Codice delle comunicazioni elettroniche D.L. 1 agosto 2003, n. 259
DLgs_1_8_03.pdf
Documento Adobe Acrobat 763.7 KB
Modifiche all’allegato 26 del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, concernente l’adeguamento della normativa tecnica relativa all’esercizio della attività radioamatoriale.
Il decreto sancisce l'unificazione patente di classe A e B come da raccomandazioni CEPT.
DM 21 luglio 2005.pdf
Documento Adobe Acrobat 16.5 KB
Norme e leggi sulle antenne
raccolta_di_legislazione.pdf
Documento Adobe Acrobat 139.0 KB
Certificazione Conformità dell' Impianto d'antenna
Circolare del 17 Settembre 1980.pdf
Documento Adobe Acrobat 136.4 KB

 

 

 

 

SUL DIRTTO DI ANTENNA

Gli articoli 232 e 397 del D.P.R. 29 marzo 1973, n. 156 (Codice postale e delle telecomunicazioni) regolano l'installazioni di antenne nel condominio e sostituiscono in parte la legge 6 maggio 1940, n. 554 ("Disciplina dell'uso degli aerei esterni per audizioni radiofoniche").



D.P.R. 29 marzo 1973, n. 156.

Art. 232. Limitazioni legali
1. Negli impianti di telecomunicazioni di cui al precedente art. 231, primo comma, i fili o cavi senza appoggio possono passare, anche senza il consenso del proprietario, sia al di sopra delle proprietà pubbliche o private, sia dinanzi a quei lati di edifici ove nonsiano finestre od altre aperture praticabili a prospetto.
2. Il proprietario o il condominio non può opporsi all'appoggio di antenne, di sostegni, nonché al passaggio di condutture, fili o qualsiasi altro impianto nell'immobile di sua proprietà occorrente per soddisfare le richieste di utenza degli inquilini o dei condomini.
3. I fili, cavi ed ogni altra installazione debbono essere collocati in guisa da non impedire il libero uso della cosa secondo la sua destinazione.
4. Il proprietario è tenuto a sopportare il passaggio nell'immobile di sua proprietà del personale dell'esercente il servizio che dimostri la necessità di accedervi per l'installazione, riparazione e manutenzione degli impianti di cui sopra.
5. Nei casi previsti dal presente articolo al proprietario non è dovuta alcuna indennità.

Art. 397 - Installazione di antenne riceventi del servizio di radiodiffusione
1. I proprietari di immobili o di porzioni di immobili non possono opporsi alla installazione sulla loro proprietà di antenne destinate alla ricezione dei servizi di radiodiffusione appartenenti agli abitanti dell'immobile stesso.
2. Le antenne non devono in alcun modo impedire il libero uso della proprietà, secondo la sua destinazione, né arrecare danno alla proprietà medesima o a terzi.
3. Si applicano all'installazione delle antenne l'art. 232, nonché il secondo comma dell'art. 237.
4. Gli impianti devono essere realizzati secondo le norme tecniche emanate con decreto del Ministro per le poste e le telecomunicazioni.
5. Il regolamento può prevedere i casi in cui le disposizioni di cui al presente articolo si applicano in favore dei concessionari dei servizi radioelettriciad uso privato. In tale ipotesi è dovuta al proprietario un'equa indennità che, in mancanza di accordo fra le parti, sarà determinata dall'Autorità giudiziaria.


Nel caso di installazione di antenna centralizzata comune a tutti i condomini, già preesistente, le delibere che riguardano la manutenzione, riparazione e sostituzione dell'antenna possono essere approvate a maggioranza semplice. Chi non è d'accordo, non può sottrarsi alla spesa.

Inoltre l'assemblea non può vietare l'installazione di antenne ai singoli condomini o imporre la rimozione di quelle esistenti con la scusa che esite già una antenna centralizzata se non sussistono ragioni valide come un potenziale pericolo o rischio di danneggiamento delle strutture dell'immobile o l'alterazione del decoro architettonico. Una delibera assembleare che vieti l'installazione dell'antenna sarebbe nulla e può essere impugnata in ogni momento anche dopo il termine dei 30 giorni stabilito dall'art. 1137 c.3 del codice civile.

Nel caso non esista l'antenna centralizzata, invece l'assemblea non può obbligare i condomini ad installarne una o a partecipare alle spese di installazione in quanto è soggetta ad utilizzazione separata.

Le spese relative all'antenna
, vanno divise in parti uguali e non in proporzione ai millesimi di proprietà, salvo il caso di un regolamento di condominio che disponga diversamente, perché l'utilizzo dell'antenna è uguale per ciascun condomino.


L' installazione dell' antenna per il servizio di radioamatore non è soggetta a concessione edilizia.


TAR Piemonte sentenza 21.12.2002 n° 2156

L' installazione di un' antenna per radioamatore costituisce un' opera che non importa attività di trasformazione del territorio ed è priva di rilevanza edilizia, a meno che non vi siano opere edilizie eccedenti quelle necessarie per la semplice posa in opera delle attrezzature tecniche costituenti l' impianto per l' esercizio di radioamatore.
Questo è il principio enunciato dal TAR Piemonte che ha accolto il ricorso presentato da un cittadino contro l' ordinanza del comune che gli aveva ordinato di abbattere l' antenna ed il traliccio per stazione di radioamatore.

  • In tal senso C.d.S. V 642 del 15.12.1986, TAR Piemonte 163 del 16.04.1993, C.d.S. V 1283 del 7/09/1995 e TAR Piemonte sez. I 10.05.2000 n° 5933.